BRERA TORNA NELLA PALUDE, MA MILANO NON PUÒ ASPETTARE

La lettera scritta dal Presidente Aldo Bassetti e pubblicata sul Corriere della Sera

News

Qui di seguito riportiamo la lettera scritta dal Presidente, Aldo Bassetti, pubblicata sul “Corriere della Sera”
dell’11 maggio 2019:

Caro Schiavi,
ho letto il suo commento su Palazzo Citterio e quale presidente degli Amici di Brera desidero ricordare l’ottimo lavoro svolto in questi tre anni e mezzo dal direttore James Bradburne. I risultati da lui ottenuti grazie a fondi pubblici e privati (tra cui il significativo contributo degli Amici di Brera) testimoniano che la macchina pubblica, quando ben amministrata, è in grado anche in Italia di ottenere traguardi rapidi e tangibili. Le considerazioni di Bradburne sulle pessime soluzioni adottate e decise dalla Soprintendenza per Palazzo Citterio sono in perfetta coerenza con le nostre ripetute denunce. Sottolineo ad esempio l’assegnazione dei lavori con quasi il 40% di ribasso di gara, gli errori progettuali, per non parlare della modestia di finiture e serramenti, e di una soluzione per quel che rimane del giardino paesaggistico di assoluta incongruenza; soluzione purtroppo attuata senza coinvolgere il destinatario dell’immobile, che si è perfino opposto all’installazione di sculture scelte in totale autonomia dalla Soprintendenza. Mi rivolgo quindi al ministero per i beni culturali, Alberto Bonisoli, affinché si provveda a dotare Palazzo Citterio delle necessarie migliorie invocate da Bradburne. Milano non può più aspettare.

Aldo Bassetti

IN EVIDENZA

Tessera Amici di Brera

DIVENTA AMICO DI BRERA

Prima di sottoscrivere leggere attentamente l’informativa

iscriviti alla nostra newsletter